Il commercio elettronico (eCommerce) è diventata la prerogativa di molte aziende. Questa scelta avviene perché aprire un’attività online è di fondamentale importanza se si crede nel futuro del mercato digitale e si vuole investire in esso.
Vediamo cos’è un eCommerce, gli step da affrontare per aprirlo e vantaggi e svantaggi intrinsechi di un’attività online.

Che cosa è un sito eCommerce?

Un sito eCommerce è l’insieme delle azioni che avvengono tramite internet per la commercializzazione di prodotti e servizi alla clientela. Il suo fenomeno può essere visto come l’attività di integrazione di business che avviene online in affiancamento alla più tradizionale attività di business offline o addirittura arrivando in alcuni casi a sostituirla completamente.
L’avvento dell’eCommerce segna quindi una rivoluzione delle attività di marketing delle aziende, sia che esse siano rivolte ad un Business to Business (B2B) che Business to Consumer (B2C). Diventa un aspetto non trascurabile per gli imprenditori che decidono di investire su internet.

Quali sono gli aspetti fondamentali da valutare per aprire un eCommerce?

Chiunque decida di aprire un’attività online deve essere consapevole che il business online incontra più concorrenza rispetto al business offline.
Non esistono più confini di tempo e di geolocalizzazione: ogni utente può arrivare ad intercettare un prodotto o un servizio 24 ore su 24, qualunque sia la collocazione fisica del brand.
Proprio per questo motivo bisogna trovare il modo per farsi trovare dai consumatori, emergere e differenziarsi dai propri competitor. Il prodotto o servizio offerto deve avere qualcosa di speciale e diverso da quelli della concorrenza che si trovano facilmente online.
Per avviare un proprio eCommerce bisogna possedere un proprio brand e fare in modo che i propri prodotti o servizi soddisfino il bisogno del consumatore.
La nascita delle attività online ha cambiato le abitudini di acquisto delle persone: il cliente deve essere messo al centro del progetto e il servizio o prodotto che gli viene offerto è uno degli aspetti più importanti, insieme all’esperienza dell’utente stesso.
E’ quindi fondamentale per il successo di un eCommerce la realizzazione di una strategia precisa di digital marketing.

Come funziona un eCommerce? Le caratteristiche che deve avere un sito eCommerce

Vediamo quindi nel dettaglio quali sono le 5 caratteristiche che costituiscono un eCommerce
– Un catalogo dei prodotti che descriva dettagliatamente le caratteristiche, i prezzi e le relative immagini
– Un sistema per selezionare i prodotti scelti dall’utente
– Un circuito per effettuare gli ordini ed i diversi metodi di pagamenti: carta di credito, bonifico, paypal, contrassegno
– Uno strumento che protegga il sito da rischi come eventuali attacchi virus e hacking
– Istruzioni chiare che permettono agli utenti una piacevole user experience fornendo tutte le informazioni sulle procedure per ordini, pagamenti, resi, rimborsi, garanzie, privacy e sicurezza dei dati.

Come fare ad aprire un sito eCommerce? La figura dell’eCommerce Manager

Scegliere di intraprendere un’attività commerciale online è un passo molto importante per il business di un’azienda ed è per questo motivo che non bisogna lasciare nulla al caso. E’ fondamentale rivolgersi ad uno specialista: l’eCommerce Manager, una figura che può essere interna o esterna all’azienda e che possiede le giuste competenze. L’eCommerce Manager ha la responsabilità di gestire e supervisionare tutte le fasi e tutti i processi della vendita online. Il suo ruolo prevede anche la capacità di coordinare sul piano tecnico i diversi comparti coinvolti nell’attività come lo sviluppo del sito, gli aspetti della SEO e della SEM. Deve essere in grado di lanciare nuovi prodotti, intervenire nella definizione delle politiche di prezzo, collaborare alle strategie di marketing, gestire un team, analizzare i dati del sito web.

Cosa cambia dalla vendita offline alla vendita attraverso un sito eCommerce?

La creazione di un sito eCommerce rappresenta la nascita di una nuova metodologia di vendita che presenta diverse differenze rispetto alla vendita offline:
– un eCommerce non ha vincoli di apertura e chiusura come il negozio tradizionale
– un vantaggio molto importante è quello di raggiungere utenti in tutto il mondo
– la digitalizzazione permette di mantenere tracciati gli utenti. I dati che sono utili all’analisi per la profilazione dei consumatori. Queste informazioni permettono di rispondere nel miglior modo possibile alle esigenze dell’utente di cui ne conosciamo le scelte di consumo, le preferenze di acquisto e i comportamenti. L’azienda può sfruttare queste informazioni per offrire un’offerta mirata.
– fare in modo che il cliente abbia un’esperienza piacevole sul nostro e-commerce in modo da invogliarlo a ritornare e fare networking del nostro brand. Diventa quindi importante avere un buon customer care che si prenda cura del consumatore e lo possa aiutare ad ogni esigenza.

Come può essere utile l’eCommerce per internalizzazione di un’azienda?

L’eCommerce è uno degli strumenti più potenti a disposizione di un’azienda che decide di approcciare al mercato estero. A seguito della crisi che ha colpito l’economia italiana l’approccio al mercato estero attraverso un business online potrebbe essere la chiave per salvare, mantenere o meglio ancora sviluppare un nuovo sistema di business dove eccellenza e competenza sono la chiave del successo per fare la differenza.
L’internalizzazione di un’ eCommerce offre quindi alle aziende un’opportunità di crescita rispetto alle aziende non internazionalizzate, ma allo stesso tempo implica l’attuazione di processi mirati per la realizzazione.
Se si decide di competere su un mercato internazionale così vasto come quello rappresentato dall’eCommerce bisogna farsi trovare preparati.
Aprire un sito eCommerce può essere quindi una grande opportunità per l’avvio o il consolidamento del proprio business, approcciando a nuovi Paesi, a costi nettamente ridotti rispetto ad un processo di internazionalizzazione tradizionale.
Dalla parte del consumatore, invece, è possibile raggiungere prodotti e servizi che non sono disponibili sul proprio mercato.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi che può incontrare il processo di internazionalizzazione di un’eCommerce?

Vantaggi

– Il negozio è aperto 24 ore su 24, sette giorni su sette qualsiasi sia il fuso orario dell’utente
– promuovere il proprio prodotto o servizio su scala mondiale
 – Il numero di persone che possono acquistare contemporaneamente è illimitato
– Personale da dedicare ridotto
– Non sono necessarie strutture fisiche nei nuovi mercati perché può essere gestito tutto dalla propria sede
 – Il catalogo può essere sempre aggiornato
 – Nessuna spesa di gestione del negozio fisico

Svantaggi

-Il web è accessibile a tutti e quindi la concorrenza è maggiore. E’ fondamentale mettere in atto una strategia mirata  per farsi trovare e farsi scegliere dai consumatori. Bisogna quindi investire in campagne marketing per aumentare la visibilità del proprio brand
– un negozio online richiede aggiornamenti costanti, sviluppo tecnologico e miglioramenti continui
– personale dedicato per evadere gli ordini in tempo
– ogni paese ha le proprie normative e a volte le autorità doganali possono ostacolare l’esportazione di prodotti avvalendosi di un corriere che gestisca in meno tempo possibile la consegna del prodotto.
Ti è stato utile l’articolo? Hai bisogno di una consulenza per la tua azienda? Contattami così ti aiuterò a trovare la soluzione più adatta al tuo business.
Gerg Tamasi